Il blog di Scuola di fumetto

Abbonamento a feed Il blog di Scuola di fumetto
Rivista di fumetti, comics, manga, historietas, bande dessinée.Redazione Scuola di Fumettohttp://www.blogger.com/profile/16783292962030219322noreply@blogger.comBlogger568125
Aggiornato: 1 ora 40 min fa

GRANDE RIENTRO!

Mer, 13/09/2017 - 20:10
Settembre è il vero inizio d'anno, è settembre che porta novità.... fumetti e soprattutto inizia la scuola!



Cominciamo con il ricordarvi che si sono riaperte le iscrizioni per i nostri corsi online che iniziano a ottobre e novembre.

Corsi di fumetto per chi inizia, per giovanissimi (-18) e per i più esperti (corso BIG).
Corso di sceneggiatura breve, per chi il fumetto lo vuole scrivere, che potrà approfondire con workshop d'autore nel 2018. Corso di illustrazione per chi vuole concentrarsi su immagine o su progetti diversi, sperimentando anche il colore.
E NOVITA', un corso base di disegno, che apre le porte a chi poi vuole proseguire con fumetto, illustrazione, colorazione digitale (in preparazione) o anche dipingere e fare l'artista.

 Qui un'intervista che vi spiega un po' di cose... 

Il nostro blog. Per info scrivete qui


La scuola è il tema di settembre anche per la nostra «Scuola di Fumetto», che ospita come sempre grandi nomi, ma raccoglie una serie di articoli particolarmente didattici e che svelano i segreti del mestiere. 

Lo speciale comprende docenti di disegno, colore, sceneggiatura, come:
Angelo Stano, Emanuela Lupacchino, Filippo Scòzzari, Michele Masiero e Andrea Rossetto.
Oltre a un grande articolo su Joshua Held e a un'intervista a Leo Ortolani, salutando Rat-Man.

 

Sergio Zaniboni, l'ultimo gentleman

Sab, 26/08/2017 - 18:06
La redazione è ancora ufficialmente in ferie, anche se abbiamo chiuso da poco il nuovo numero di «Scuola di Fumetto».
Ma la triste notizie della morte di Sergio Zaniboni ci ha riportati alla realtà, e – con la memoria – la bell'articolo che gli dedicammo (assieme al figlio Paolo) nel numero 87.
Ve lo proponiamo, ci pare uno dei migliori modi di ricordarlo, con i suoi disegni, ma anche con le foto in cui si ritraeva per disegnare meglio i fumetti... e un po' anche per divertirsi.

È stato senza dubbio la più elegante ed essenziale penna del fumetto popolare. Uno degli ultimi autori di una generazione in cui la differenza tra popolare e d'autore non c'era, c'era la bravura a fare da confine.
Non a caso, allora, gli dedicammo uno spazio molto più ampio del solito e ricco dei diversi aspetti che il suo fumetto nascondeva e svelava con disinvoltura.